Tate Britain

Forse qualcuno penserà che la Tate Britain sia stata penalizzata dal fatto che metà della sua collezione è stata trasferita nella sfavillante gemella Tate Modern, inaugurata sull’altra sponda del fiume nel 2000 e da allora perennemente sotto le luci della ribalta. Al contrario: questa veneranda istituzione, creata nel 1897 da Henry Tate (l’inventore della zolletta di zucchero), è tuttora sede della più bella collezione d’arte britannica dal Cinquecento alla fine del Novecento, mentre la Tate Modern è dedicata esclusivamente all’arte contemporanea.

Protagonista assoluto della Tate Britain è J.M.W. Turner. Alla morte dell’artista, avvenuta nel 1851, tutto ciò che si trovava nel suo studio – 300 dipinti a olio e circa 30.000 fra schizzi e disegni – andò per lascito testamentario alla nazione, pertanto potrete ammirare quadri famosi come The Scarlet Sunset e Norham Castle, Sunrise.

Oltre alle opere di Turner, nella galleria sono esposti importantissimi lavori di Constable, Gainsborough e Reynolds e di pittori preraffaeliti (Rossetti, Holman Hunt, Millais), ma anche di artisti contemporanei come Lucian Freud, Francis Bacon e Tracey Emin. La Tate Britain è anche il luogo in cui viene assegnato il prestigioso e controverso premio per l’arte contemporanea Turner Prize, tutti gli anni da ottobre all’inizio di dicembre.

Alla Tate Britain si tengono visite a tema gratuite di 45 minuti, oltre che conferenze su opere specifiche nell’ambito del ciclo Art in Focus, anch’esse gratuite, della durata di 15 minuti. Infine si possono noleggiare audioguide (£ 3.50).

  • L’ingresso al museo è libero.
  • L’orario di visita: 10-18 tutti giorni.
  • Fermata Underground Pimlico.

Era il 2013 e, preso dalla voglia di visitare la ‘sorella‘ della Tate Modern, decisi di andare. Purtroppo non riuscii ad entrare perché in ristrutturazione. Tornerò!!! 😦

Alessandro Spadoni

Annunci

Tate Modern

… gli architetti svizzeri Herzog & de Meuron hanno vinto il prestigioso Pritzker Prize per la trasformazione in galleria d’arte dell’ex centrale elettrica di Bankside, chiusa nel 1981. Tre furono i colpi di genio della coppia svizzera: lasciare la ciminiera centrale di 99 m, aggiungere una struttura di vetro a due piani sul tetto e sfruttare la vasta Sala delle Turbine come spettacolare ingresso. Gli stessi architetti hanno progettato anche il nuovo ampliamento, inaugurato nel 2016 …

A un decennio dalla sua apertura, il fenomenale successo di pubblico di questa galleria d’arte moderna e contemporanea, in un edificio che era una centrale elettrica, non mostra segni di cedimento; infatti, nei primi 10 anni di vita ha totalizzato più di 50 milioni di visitatori. Sull’onda di questa eccezionale popolarità, la Tate Modern ha ampliato il suo spazio espositivo con l’adattamento dei tre grandi serbatoi sotterranei per il petrolio e la costruzione di un’audace struttura geometrica a 11 piani sul retro dell’edificio.

La ex centrale elettrica

La Tate Modern è una struttura imponente lunga 200 m. Ha sede nella ex Bankside, trasformata nel 2000 in galleria d’arte (con tutti i suoi 4.2 milioni di mattoni): un colpo di genio del design. ‘L’effetto Tate Modern‘ è creato sia dall’edificio e dalla sua posizione sia dalla collezione d’arte, quasi interamente dedicata al XX secolo. Anche il nuovo ampliamento è stato costruito in mattoni, ma artisticamente concepito come un reticolo attraverso il quale di sera sono visibili le luci interne.

Turbine Hall

Il primo ambiente che vi accoglierà dopo aver sceso la scalinata di Holland St (l’ingresso principale) è l’immensa Turbine Hall (Sala delle Turbine) da 3300 mq. In questo spazio, che originariamente accoglieva le gigantesche turbine della centrale elettrica, oggi sono allestite le grandi mostre temporanee: la vastità del luogo è sbalorditiva (se entrate dall’ingresso sul fiume vi ritroverete al livello 2, dall’impatto decisamente minore). Alcuni critici d’arte biasimano il suo populismo, in particolare ‘l’arte partecipativa‘ (pensate agli scivoli da luna park ‘Test Site‘, di Carsten Höller; a ‘Shibboleth‘, la gigantesca fessura nel pavimento di Doris Salcedo; e alla scultura geometrica su cui ci si può arrampicare di Robert Morris), ma altri sottolineano invece che tutto ciò rende l’arte più accessibile. All’inizio i visitatori erano invitati a calpestare l’irresistibile ‘Sunflower Seeds‘ di Ai Weiwei (un grande tappeto di semi di ceramica dipinti a mano), finché non si scoprì che molti se la svignavano con i pezzi dell’opera incastrati nella suola delle scarpe per rivenderli su eBay e che la polvere rilasciata dai ‘semi‘ era pericolosa per la salute.

Collezione permanente

La collezione permanente è organizzata tematicamente e cronologicamente sui livelli 2, 3 e 4. Sono esposti a rotazione oltre 60.000 pezzi, il che può essere frustrante per chi è interessato a un’opera in particolare, ma è entusiasmante per i visitatori abituali.

I curatori hanno a loro disposizione dipinti di Georges Braque, Henri Matisse, Piet Mondrian, Andy Warhol, Mark Rothko e Jackson Pollock, e opere di Joseph Beuys, Damien Hirst, Rebecca Horn, Claes Oldenburg e Auguste Rodin.

  • Livello 2: Poetry and Dream
    Questa sezione è dedicata al surrealismo e alle visioni oniriche di Yves Tanguy, Max Ernst e altri artisti. Cercate la ‘Venere dormiente‘ di Paul Delvaux, ammaliante ed erotica.
  • Livello 3: Transformed Visions
    Dopo la seconda guerra mondiale, molti artisti convogliarono nelle proprie opere le loro emozioni sulla guerra e la violenza. Una di queste manifestazioni fu un nuovo genere di astrazione espressiva contemplativa, esemplificata dai ‘Seagram Murals‘ di Mark Rothko.
  • Livello 4: l’evoluzione dell’astrattismo e l’arte radicale
    Incentrata sulle avanguardie del primo Novecento, fra cui cubismo, astrattismo geometrico e minimalismo, la sezione Structure & Clarity include opere di artisti quali Matisse e Picasso (‘Nudo Seduto‘). Energy & Process è focalizzata sulla rivoluzionaria arte povera degli anni ’60.
  • Mostre temporanee
    Fra le mostre temporanee (livelli 2 e 3, ingresso a pagamento) degli ultimi anni ci sono state retrospettive su Edward Hopper, Frida Kahlo, Roy Lichtenstein, August Strindberg, il nazismo e l’arte ‘degenerata‘ e Joan Mirò.

Sono disponibili audioguide in cinque lingue (£ 4) che illustrano una cinquantina di opere esposte nelle gallerie e suggeriscono itinerari di visita per adulti e bambini. Le visite guidate gratuite ai capolavori iniziano tutti i giorni alle 11, 12, 14 e 15.

  • L’ingresso al museo è libero.
  • L’orario di visita: 10-18 domenica/giovedì, fino alle 22 venerdì e sabato.
  • Fermata Underground Southwark.

Ho visitato questo museo in più di un’occasione ma quella del 2008 rimarrà, senza dubbio, scolpita per sempre nel mio cuore. 😦

Consiglio un aperitivo sulla terrazza panoramica dalla quale si gode una splendida vista di Londra.

… potere alla cultura, gusti permettendo!

Alessandro Spadoni

 

BUONE FESTE by EveryBodyInUK

DESIDERA AUGURARE A TUTTI I LETTORI E ALLE LORO FAMIGLIE I PIÙ SENTITI AUGURI DI BUONE FESTE!!!

La Redazione
Alessandro Spadoni/Dario Briscolini/Fabio Di Carlo

WISHES ALL ITS READERS HAPPY HOLIDAYS!!!

Editors
Alessandro Spadoni/Dario Briscolini/Fabio Di Carlo

EveryBodyInUK compie sei anni … AUGURI!!!

Sono passati 6 anni dal primo articolo apparso in questa pagina! Non posso offrire da bere a tutti – siete davvero tanti – ma, come ogni compleanno che si rispetti, vorrei festeggiarlo offrendovi la possibilità di ottenere un accredito di 15 euro direttamente sulla vostra carta di credito (prepagata o di debito) se prenoterete il vostro hotel esclusivamente da questo link.

Booking.com, il sito migliore per prenotare hotel, ha dato il via da qualche mese ad un’iniziativa molto intrigante: ricevere 15 euro direttamente sulla carta di credito dopo una prenotazione. La procedura, mostrata di seguito, è semplice.

  • Create il vostro account: ve lo consiglio perché è più facile avere tutte le prenotazioni sotto controllo ogni volta ed in questo modo potrete anche accumulare punti per diventare clienti Genius. Ciò vi darà diritto al 10% di sconto aggiuntivo su quasi tutte le prenotazioni!
  • Prenotate utilizzando questo link.
  • Per ricevere il rimborso di 15 euro basta aspettare una e-mail di conferma di Booking che vi arriverà dopo il check-out dall’hotel.
    Dovrete salvare una carta di credito nel vostro account in modo che Booking possa inviarvi i 15 euro.
    Trovate qui tutti i termini e le condizioni del programma ‘Presenta un Amico‘.

E’ un piccolo omaggio per incentivare quanti più possibili viaggiatori a recarsi a Londra o in qualsiasi altra città.

Spengo questa sesta candelina e riprendo il cammino!!!

Alessandro Spadoni

Outside WEST HAM’s house (parte seconda)

Più passa il tempo, più cresce la voglia di stupirvi. A volte riesco meglio, ma lo spirito è sempre lo stesso se non di più. Sono orgoglioso dei risultati ottenuti, ma il cammino è ancora molto lungo. Ho voglia di raccontarvi tutto, ma proprio tutto, di questa città.

Senza perdere tempo, cercherò di proiettarvi nella Londra dell’est per mostrarvi le mie foto, scattate fuori il ‘London Stadium‘. L’obiettivo è il solito, farvi una panoramica dello stadio e del contesto in cui è inserito. I nostalgici possono rivedere le fotografie scattate a Green Street.

La sede del West Ham non mi ha fatto impazzire, ma ciò che sorge attorno è stato studiato e realizzato con sapienza. L’Olympic Park, immerso nel verde e attraversato da piccoli corsi d’acqua, comprende strutture stupefacenti. Il parco è intitolato alla regina Elizabeth II, anche se non è un parco reale di Londra.

Buona visione a tutti!

😦 ciao Dà 😦 

Alessandro Spadoni